I ragazzi del sogno di Padre Puglisi

Le recensioni dei ragazzi del Centro di Accoglienza Padre Nostro di Palermo

“Fahrenheit 451” di Ray Bradbury, un mondo triste e desolato senza libri e con troppa tecnologia

"Fahrenheit 451" di Ray Bradbury, un mondo triste e desolato senza libri e con troppa tecnologia

Fahrenheit 451” è stato scritto dall’americano Ray Bradbury nel febbraio del 1951. L’autore, attraverso la vita del protagonista Guy Montag, incendiario ed ex pompiere,  descrive una società futura in cui il mondo è in una triste situazione, dove non sono accettati i libri, considerati inutili, dove la tecnologia ha ormai preso il sopravvento, e dove addirittura le persone venivano brutalmente condannate se venivano sorprese con un libro in casa.

Il messaggio che l’autore vuole dare ruota quindi intorno alla proibizione di libri, e il mondo che viene da esso rappresentato è un mondo triste e desolato per via del criticato attaccamento alla tecnologia.

Secondo me un altro messaggio apparentemente relativo ai giorni nostri e non solo nel mondo di Montag, è quello della mancanza di opinioni personali, e la tecnologia è un mezzo che tenta di ridurci schiavi a quelle persone che tentano di  manipolarci.

 

Salvatore Geraci

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
Mostra più commenti

Le recensioni dei ragazzi del Centro di Accoglienza Padre Nostro di Palermo

Spazio dedicato alle recensioni dei libri letti dai ragazzi del Centro di Accoglienza Padre Nostro, fondato nel 1991 da Don Pino Puglisi, del quartiere Brancaccio di Palermo. Un progetto dal forte valore pedagogico, che ha come obiettivo quello di istruire all’importanza ed al piacere della lettura ed al recupero dei minori e degli adolescenti costantemente sottoposti al rischio di emarginazione e di reclutamento da parte della criminalità organizzata.

Utenti online